Ripercussioni sulle microtransazioni per EA?

È ormai risaputo che EA non stia attraversando un periodo particolarmente proficuo dal punto di vista etico.Patrick Söderlund, ex responsabile Worldwide studios, adesso nominato Chief Design Officer di EA, ha recentemente ammesso, tramite un’intervista a The Verge, che le varie polemiche ruotate attorno a Star Wars: Battlefront 2 hanno causato delle conseguenze.
Söderlund pensa che EA abbia commesso degli errori per quanto concerne le microtransazioni su Star Wars: Battlefront 2, specificando che è compito del management farli notare e correggerli al tempo stesso:

Ti mentirei se dicessi che quello che è successo con Battlefront e quello che è successo su tutto ciò che riguarda loot box e queste cose, non abbiano avuto delle conseguenze, su EA come azienda e su di noi come management

Sarà compito della compagnia cercare di non ripetere questi errori, iniziando quindi a rivisitare le pratiche di monetizzazione approvate per i giochi in arrivo.

Abbiamo intrapreso passi significativi come azienda, per rivedere e comprendere i meccanismi di monetizzazione, bottino e tutto ciò che concerne nei nostri giochi prima che entrino nel mercato.
Per i titoli che verranno, “i giocatori stessi” hanno espresso, in maniera molto chiara, che sarebbe meglio non commettere più errori simili come in Battlefield e Anthem. È chiaro che non li faremo

Söderlund promette, quindi, di cambiare questi meccanismi non particolarmente amati dai giocatori, con la consapevolezza del fatto che l’etica di EA sia compromessa in questo momento.

È chiaro i giocatori vedono l’azienda in modo diverso da come la vediamo noi.

Che siano i primi passi verso il cambiamento della compagnia? Staremo a vedere!

Commenti

commenti

Mi chiamo Filippo ho 23 anni e sono di Catania. Mi reputo il classico nerdone per eccellenza, poiché le mie passioni sono suddivise tra: videogiochi, cinema, serie TV, fumetti, manga e serie animate. Nel mondo dei videogiochi nutro un affetto particolare per le consolle di casa Sony, poiché sono quelle con le quali sono cresciuto, ma rispetto e stimo tutto il mondo dei videogiochi a 360°. Sono anche appassionato di sport, nello specifico seguo Calcio e Formula 1.

Leave a Reply