Comprare Hellblade: Senua’s Sacrifice per Xbox One aiuta il prossimo

Ninja Theory, software house indie creatrice di Hellblade: Senua’s Sacrifice, ha annunciato, tramite la propria pagina Twitter, di voler intraprendere una generosa sfida.In occasione dell’uscita del proprio titolo sulla console Microsoft, il team di sviluppo ha dichiarato che, se il gioco venderà 50 mila copie durante la prima settimana, la software house devolverà 25 mila dollari in beneficenza; mentre, se raggiungerà le 100 mila copie vendute, verranno donati ben 50 mila dollari. L’associazione designata per tale iniziativa è la Mental Health America, associazione no profit fondata nel 1909 che si occupa di prevenire, identificare e supportare i soggetti affetti da patologie mentali.

Un’iniziativa da elogiare e da aiutare in prima persona!

La software house non è nuova a compiere atti volti al sociale e alla sensibilizzazione verso le malattie mentali: ricordiamo, infatti, che durante il World Mental Health Day, (giornata indetta per sensibilizzare la popolazione  riguardo le malattie mentali, specialmente nei posti di lavoro) i proventi che Ninja Theory ricavò dalle vendite di Hellblade: Senua’s Sacrifice furono donati in beneficenza all’associazione inglese Rethink.

Ninja Theory, però, non è stata l’unica software house a compiere atti di beneficenza: molte case di sviluppo e publisher hanno intrapreso diverse battaglie, aiutando associazioni e portando avanti un messaggio tramite il proprio videogioco; se siete interessati all’argomento, vi rimando ad uno speciale a riguardo, oltre ad altri due articoli su Sony e Electronic Arts.

Commenti

commenti

Nata a Torino nel 1994, si appassiona sin da bambina ai videogiochi. Non possedendo alcuna console, la Sofia di cinque anni si destreggiava tra i cabinati in sale giochi del suo paese e il computer della sua vicina di casa e eterna amica, con cui ha condiviso tutti i titoli più memorabili della sua infanzia. I videogiochi rimangono la sua passione e spera che, un giorno, possano diventare anche il suo lavoro.

Leave a Reply