Microtransazioni: Activision Blizzard incassa nel 2017 ben 4 mld di dollari

Per quanto la gente possa odiarle, a quanto pare non tutti sono della stessa opinione.

Nonostante le critiche mosse in merito agli acquisti in app, i recenti dati divulgati da Activision Blizzard ai suoi investitori hanno dimostrato che sono in molti ad apprezzare questa modalità di pagamento.

Analizzando i dati mostrati si evince che la software house, durante l’anno appena trascorso, ha guadagnato 7,16 miliardi di dollari in totale, di cui solamente 4 miliardi derivano dagli acquisti in app. Una cifra davvero impressionante se consideriamo le recenti critiche che hanno costretto EA ad eliminare temporaneamente tale meccanica di gioco in Battlefront II (gli acquisti in app per questo titolo verranno introdotti nuovamente poiché, secondo EA, le vendite del titolo sono andate sotto le aspettative dell’azienda).

Per quanto riguarda il mondo degli acquisti in app, troviamo al primo posto Candy Crush Saga e Candy Crush Soda Saga seguiti a ruota dai DLC e Season Pass di Call of Duty, insieme a Destiny. A rotta di collo seguono i titoli Blizzard come Overwatch, Hearthstone, Heroes of the Storm ed infine World of Warcraft.


Le dichiarazioni di Activision Blizzard su Business Wire indicano quali sono i titoli che hanno destato maggiore interesse da parte dei videogiocatori:

  • Activision Blizzard ha ottenuto ben 385 milioni di accessi per mese durante l’ultimo quadrimestre, un aumento di circa un milione di connessioni mensili in più.
  • King (Candy Crush franchise) ha ottenuto ben 290 milioni di accessi, circa l’1% in meno rispetto al precedente, ma il tempo medio speso per ogni sessione di gioco risulta essere 37 minuti per utente. Il franchise di Candy Crush è cresciuto significativamente tra il primo e l’ultimo quadrimestre dell’anno precedente, registrando un significativo aumento del tempo speso per giocare ai vari titoli del franchise.
  • Activision ha ottenuto 55 milioni di connessioni mensili nell’ultimo quadrimestre, un incremento del 12%. Tale aumento delle connessioni è direttamente collegato al lancio di Call of Duty: WWII e Destiny 2.
  • Call of Duty: WWII è stato il gioco campione di incassi su console a livello mondiale, il gioco ha stabilito il record de “Il gioco più acquistato in versione digitale” su PlayStation 4 al Day-One.
  •  Destiny 2  è stato il secondo titolo con maggiori incassi nell’America del Nord diventando il titolo più venduto nella storia di Activision superando il primo Destiny.
  •  Crash Bandicoot N. Sane Trilogy è stata la remastered più acquistata nella storia di PS4.
  • Blizzard ha ottenuto ben 40 milioni di accessi durante l’ultimo quadrimestre. Al primo posto troviamo Overwatch e di seguito Hearthstone.

Dai risultati pubblicati da Activision Blizzard si capisce che, anche in questo nuovo anno, si prevedono tempi duri per i giocatori che non apprezzano le microtransazioni, dal momento che è decisamente evidente come le software house e i publisher difficilmente abbandoneranno questi sistemi di monetizzazione che generano più introiti dei giochi stessi.

Dobbiamo precisare che solamente sul territorio Italiano troviamo un’estrema avversione per questo genere di profitto. Vi consigliamo di dare un’occhiata al sondaggio di Playerinside  per approfondire questo aspetto del mercato italiano del videogioco.

Commenti

commenti

Nato a Maratea nel lontano 1989, il nostro caro Dexios ha intrapreso la carriera da Pc Gamer da quando aveva soli 4 anni davanti al 386 del padre con un gioco veramente tranquillo: DooM. Da allora non ha mai smesso di giocare e di coltivare la sua passione per i videogiochi e l'informatica (pensate, è diventato anche Analista dei miei c...oglioni programmatore). Scrivere per una rivista di videogiochi è sempre stato il suo sogno nel cassetto e ora finalmente il suo sogno è divenuto realtà... come la scimmia a tre teste... giusto?

Leave a Reply