Co-creator di Counter-Strike accusato di aver pagato una minorenne in cambio di sesso

La polizia di Seattle ha accusato Jess Cliffe, co-creator di Counter-Strike di aver abusato di una minorenne.Cliffe, secondo i rapporti della polizia, avrebbe pagato una ragazza di sedici anni per ricevere prestazioni sessuali in numerose occasioni, ed è stato arrestato la settimana scorsa dalla polizia.

Secondo i rapporti delle forze dell’ordine, Cliffe avrebbe conosciuto la ragazza tramite un sito d’incontri per adulti chiamato Seeking Arrangement.

La ragazza, chiamata “AC” nei registri della polizia, ha dichiarato che Cliffe l’avrebbe pagata 300 dollari all’ora per avere prestazioni sessuali per un totale di tre volte e, in un’occasione, di aver filmato l’incontro sessuale senza il permesso della giovane tramite un telefono.

La difesa di Cliffe afferma che l’accusato non era a conoscenza della reale età della ragazza, rimanendo ingannato dal fatto di averla conosciuta su un sito per adulti, ma rimane imputato per aver avuto incontri sessuali commerciali con una minorenne, a prescindere dal consenso della ragazza.

Ad aggravare la situazione di Cliffe è il possesso del filmato pedo-pornografico, ottenuto senza il consenso di “AC” e che confermerebbe la veridicità degli avvenimenti.

 

 

Commenti

commenti

Nata a Torino nel 1994, si appassiona sin da bambina ai videogiochi. Non possedendo alcuna console, la Sofia di cinque anni si destreggiava tra i cabinati in sale giochi del suo paese e il computer della sua vicina di casa e eterna amica, con cui ha condiviso tutti i titoli più memorabili della sua infanzia. I videogiochi rimangono la sua passione e spera che, un giorno, possano diventare anche il suo lavoro.

Leave a Reply