Uomo arrestato in Alaska – picchiava il coinquilino con la spada di Zelda

Gli eventi, riportati da Kotaku, si sono svolti vicino al campus dell’University of Alaska Anchorage, in Alaska.Un uomo di 22 anni, Jeremy Tazruk, è stato accusato per aver colpito il suo coinquilino con la copia della Master Sword di The Legend of Zelda, per poi passare a un coltello da cucina.

Quando la polizia di Anchorage è stata chiamata per un “litigio tra coinquilini” venerdì scorso, hanno trovato nell’appartamento una televisione rotta, un tovagliolo insanguinato, un coltello sul tavolo e una spada piegata sul pavimento.

In un vicolo vicino all’abitazione è stata trovata una persona con una ferita da arma da taglio, identificata come “T.P.” dal pubblico ministero.

Da quanto emerge dalle indagini, Tazruk e T.P. erano nel bel mezzo di una lite, dapprima “solamente” caratterizzata da spintoni, ma che poi si è spinta oltre, coinvolgendo gli altri coinquilini.

Tazruk avrebbe afferrato la copia della spada di The Legend of Zelda dal muro, per poi usare il fodero e la spada stessa per colpire T.P., accusandolo di aver coinvolto nella diatriba gli altri coinquilini tramite spintoni (compresa la fidanzata di Tazruk con il figlio in braccio).

Tazruk è stato accusato di aver compito T.P. “più volte” con la spada e dai documenti giudiziari emerge che “i bordi della spada non erano affilati, come invece risulta la punta”.

Tazruk è stato anche accusato di aver pugnalato una volta T.P. con il coltello da cucina, ed è stato arrestato per assalto di quarto grado e messa in pericolo, entrambi considerati come reati minori.

 

Commenti

commenti

Nata a Torino nel 1994, si appassiona sin da bambina ai videogiochi. Non possedendo alcuna console, la Sofia di cinque anni si destreggiava tra i cabinati in sale giochi del suo paese e il computer della sua vicina di casa e eterna amica, con cui ha condiviso tutti i titoli più memorabili della sua infanzia. I videogiochi rimangono la sua passione e spera che, un giorno, possano diventare anche il suo lavoro.

Leave a Reply