Call of Duty WWII: nuovi dettagli sulle modalità di gioco

Call of Duty: WWII è stato il protagonista dell’ultimo numero della rivista GameInformer dove sono state svelate nuovi ed interessanti dettagli che riguardano la modalità singleplayermultiplayer Nazi Zombies.

La campagna singleplayer porterà i giocatori sui campi di battaglia della Seconda Guerra Mondiale e il fulcro del gioco gira intorno alla collaborazione con gli alleati. La salute dei soldati, infatti, non si rigenera come spesso ci siamo abituati a vedere e sarà necessario andare alla ricerca di compagni in grado di fornirci Kit Medici e anche munizioni, come accadeva molti anni fa nel genere FPS dove si era alla ricerca dei medikit sparsi nella mappa.

Sono state mostrate anche alcune novità riguardanti la modalità Nazi Zombies che sarà caratterizzata dalla presenza di molti obiettivi per le missioni che porteranno l’utente a sperimentare stili di gioco differenti, affrontando svariate tipologie di nemici da eliminare in diversi modi.

In Call of Duty: WWII sarà presente anche uno spazio social denominato Headquarters (quartier generale), ambientato su una piattaforma di lancio a 3 giorni dal D-Day, e ospitarà fino a 48 giocatori contemporaneamente. 

In questa area si potrà prendere parte a quest giornaliere e settimanali, creare gruppi per la modalità Zombie, dare un’occhiata le varie statistiche, utilizzare emotes, aprire le ricompense e altro. Inoltre saranno presenti anche eventi dinamici come per esempio le offensive anti-aeree contro i raid nemici.

Nella sezione multiplayer tornano finalmente il Team Deathmatch, Uccisione ConfermataDominio e Hardpoint.

Call of Duty: World War II uscirà il 3 novembre 2017  per PS4, PC Xbox One.

Commenti

commenti

Nato a Maratea nel lontano 1989, il nostro caro Dexios ha intrapreso la carriera da Pc Gamer da quando aveva soli 4 anni davanti al 386 del padre con un gioco veramente tranquillo: DooM. Da allora non ha mai smesso di giocare e di coltivare la sua passione per i videogiochi e l'informatica (pensate, è diventato anche Analista dei miei c...oglioni programmatore). Scrivere per una rivista di videogiochi è sempre stato il suo sogno nel cassetto e ora finalmente il suo sogno è divenuto realtà... come la scimmia a tre teste... giusto?

Leave a Reply