TellTale costretta a ridurre il personale del 95%

TellTale è solita produrre avventure grafiche particolari che possono attrarti alla follia oppure…non interessarti per niente. Tales of the Borderlands è un titolo che unisce lo stile delle avventure grafiche di casa TellTale e il setting di Borderlands, FPS di casa Gearbox.

Si sa: a volte gli esperimenti riscuotono successo tra i critici, ma a livello di vendite sono dei veri buchi nell’acqua. È lo stesso game director di Tales of the Borderlands Nick Herman ad affermare che le vendite dei primi episodi sono state talmente al di sotto delle stime che lo sviluppo degli altri episodi era in pericolo.

La soluzione è ricaduta sulla scelta di ridurre i membri del team di sviluppo, che adesso sarà composto prevalentemente da persone che credono veramente nel progetto e pronte a lavorare ore extra senza remunerazione. Il resto degli sviluppatori, ovviamente, sarà libero di impegnarsi in altri progetti.

Le vendite di Tales from the Borderlands non erano grandiose. Erano decenti, non stavamo perdendo soldi, ma paragonate quelle di The Walking Dead, non erano per niente sullo stesso livello. Verso la metà dello sviluppo, ci siamo accordati con uno studio secondo cui se ci avessero lasciato continuare, avremmo ceduto il 95% del nostro team, mantenendo però una piccola squadra. Avevamo almeno una persona per ogni dipartimento a lavorare sul gioco, ma si trattava di un team davvero troppo piccolo per un episodio . Per la critica è stato un grosso successo, ma da un punto di vista delle vendite e della produzione, non molto.”

Commenti

commenti

Cresciuta a videogame e sport, ma anche fumetti, manga e tanto altro di nerd. Spero di potervi trasmettere la mia immensa passione per questa splendida forma d'arte qual è il videogioco, che ci unisce tutti.

Leave a Reply